“Il bullismo lascia dietro di se solo un’immensa desolazione, ci deve essere un modo per prevenirlo.”

«Parli con la mia ragazza».
Picchiato dai bulli dei bus

Studente 15enne preso a calci e pugni da tre ragazzini finisce al pronto soccorso. Una donna interviene e lo difende: «Tutti guardavano, ma nessuno lo ha aiutato»
di Roberto Bo. ( leggi qui  tutto l’articolo)

In merito a questo articolo apparso sulla Gazzetta di Mantova,  AMA condivide e riporta  la testimonianza di una persona, oggi adulta ma in passato vittima del bullismo:

“[..] HO LETTO E RILETTO L’ARTICOLO DI GIULIA, AVREI VOLUTO ANCH’IO TROVARE PERSONE COME LEI CHE MI DIFENDESSERO NEI TANTI MOMENTI IN CUI SONO STATA OGGETTO DI BULLISMO, INVECE MAI NESSUNO MI DIFESE, GUARDAVANO ALLORA COME ADESSO, SENZA INTERVENIRE.[..]”

“[..]PRIMA O POI L’INFERNO FINISCE  SI, MA COSA LASCIA DIETRO DI SE? L’AUTOSTIMA A ZERO, …[..]”

Nel gruppo di auto mutuo aiuto  ha ritrovato  la forza di affrontare ferite passate ma impossibili
da dimenticare.

A questo link puoi leggere “pensieri/riflessioni” che i partecipanti dei vari gruppi desiderano condividere con appartenenti e non appartenenti al mondo AMA.

 

 

 

A proposito di bullismo
Tags: